Sagra della Ricotta di Marianpoli

Sagra della Ricotta di Marianpoli.

 

 

La XVIII edizione della Sagra della Ricotta di Marianpoli (CL), avrà luogo domenica 29 dicembre 2013 e il 5 gennaio 2014.

 

 

Il programma dell’evento prevede la visita al presepe vivente allestito in villa Messineo e la degustazione di ricotta e dei prodotti tipici della filiera agroalimentare. La giornata verrà bissata anche il 5 gennaio.

 

tags:marianopoli,sagre sicilia,sagre contadine,sagra ricotta,sagra ricotta marianopoli,ricotta siciliana,ricotta di pecora,eventi sicilia,

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

AZIENDE

AZIENDE

 

Caffé

 

 

Emme.VI.Company srl (Rosolia caffé)

VEDI

 

Zicaffè S.p.A.

VEDI

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Zicaffè

 Zicaffè

 

 

Zicaffè S.p.A.

Contrada San Silvestro 139/A
91025 MARSALA (TP)- Sicilia

Tel +39 (0923) 755111
Fax +39 (0923) 755255

 

Sito web

Vendita on line

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Rosolia Caffé

Rosolia Caffé

 

Emme.VI.Company srl – Via Assisi 1° Traversa,11 – Trecastagni (CT)-Sicily

Telefono: +39 095.7890322
Fax: +39 095.7890415
E-mail:
info@rosoliacaffe.it

Sito web

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Aziende- Produzione cioccolato

 

Il cioccolato di Modica fa bene al cuore, lo dicono gli Usa

Alcune virtù del cioccolato si conoscevano già, ma ora la prestigiosa rivista scientifica americana Hypertension, organo ufficiale dell’AHA, l’America Heart Association, ha pubblicato i risultati di uno studio clinico controllato, condotto di recente dall’Università dell’Aquila sul cioccolato di Modica Bonajuto che – grazie alla particolare lavorazione a freddo, e alla ricetta di origine azteca tramandata nel corso dei secoli dalla famiglia siciliana – sembra essere uno dei più ricchi in flavonoidi, sostanze contenute nel seme di cacao in grado di proteggere le arterie.

 

La metodologia di produzione del cioccolato modicano Bonajuto è ancora oggi vicinissima a quella attuata dagli Aztechi alla scoperta del ‘Nuovo Mondo’.

Oggi si parte da una massa di cacao (semi macinati) non privata del burro di cacao in essa contenuta, la massa viene riscaldata per renderla fluida e ad una precisa temperatura viene mischiata a zucchero semolato e spezie (cannella o vaniglia).

Il composto così ottenuto viene mantenuto ad una temperatura che non fa sciogliere i cristalli di zucchero, che rimangono infatti integri all’interno della tavoletta, amalgamato il tutto per mezzo di una raffinatrice (odierna riproposizione del metate), si passa così alla fase finale che consiste nel distendere il composto su degli stampi che verranno poi battuti per far sì che il cioccolato assuma la forma desiderata.

La particolare lavorazione ‘a freddo’ di questo cioccolato, esclude la fase del concaggio riuscendo, a detta di molti, a mantenere aromi che sarebbero altrimenti destinati a scomparire. La forza di questo particolare prodotto è proprio nella semplicità della lavorazione e nessuna aggiunta in burro o di altre sostanze estranee (grassi vegetali, derivati del latte, lecitina) viene effettuata.

Il cioccolato Bonajuto é unicamente composto da massa di cacao, zucchero e spezie, ultimo legame quest’ultimo con quei popoli lontani la cui storia in un certo senso ci appartiene e le cui credenze sui poteri benefici del cioccolato si sono tramandate nel tempo (si ritengono benefici gli effluvi del nostro cioccolato in caso di bronchiti o problemi respiratori in genere).

Sito web: Antica Dolceria Bonajuto

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Acqua Geraci

ACQUA GERACI

L’acqua Geraci viene imbottigliata nello stabilimento di Geraci Siculo, nelle immediate vicinanze delle sorgenti.

 

Terme di Geraci Siculo S.p.A. – C.da Parco Gentile – 90010 Geraci Siculo (PA)

 

Website: 

http://www.acquageraci.it/

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Sicilia da amare

 

Chi ama la Sicilia pensa, produce e

 …..Compra Solo Siciliano

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Il panettone? E’ made in Sicilia

Il panettone? E’ made in Sicilia


Fiasconaro apre le porte del laboratorio
Dal rito del lievito madre alla confezione fatta a mano: ecco come nasce in Sicilia il più nordico dei dolci italiani, prodotto a Castelbuono al ritmo di settemila pezzi  al giorno.
 Da leccarsi i baffi.
 
Nicola Fiasconaro, titolare dell’omonima pasticceria, racconta le fasi e mostra il processo artigianale con cui vengono confezionati i suoi dolci natalizi
Dalla Bauli mandano dei tecnici per spiare il ‘terrone che fa il panettone’.

…tornato a Castelbuono e dice a suo padre: ‘Da oggi facciamo il panettone’. L’anziano pasticcere lo prese per pazzo, pensava di aver mandato il figlio a studiare al nord per vendere meglio i prodotti siciliani, ma non che volesse capovolgere l’Italia dei dolci. Così comincia l’avventura siciliana del panettone

palermo.repubblica.it

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

AZIENDE -ACQUE MINERALI

 

Terme di Geraci Siculo S.p.A. – C.da Parco Gentile – 90010 Geraci Siculo (PA)

 

Leggi tutto

 

Sito web: 

http://www.acquageraci.it/

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Prete di Bonpensoere miracolato da Wojtyla?

Prete di Bonpensoere miracolato da Wojtyla?

A Bompensiere, piccolo comune in provincia di Caltanissetta, dove vivono poco più di 600 abitanti , si grida al miracolo. Protagonista il parroco, don Calogero Milazzo, vittima di una grave malattia alla gamba che gli impediva di camminare.Dopo aver pregato sulla tomba di papa Woityla, ogni dolore sarebbe improvvisamente scomparso.

Il protagonista di questa vicenda non vuole parlare di miracolo, perché non vuole suscitare clamore. Ma la notizia adesso è di dominio pubblico.

Don Calogero per molto tempo ha sofferto per una grave malattia ad una gamba, tanto da zoppicare e da chiedere al vescovo Mario Russotto di collocarlo in pensione quando reggeva la parrocchia di San Giuseppe, a Caltanissetta. Poi il vescovo lo aveva richiamato in servizio, il parroco era titubante ma poi di colpo e’ guarito. ”Sono andato dai medici di Catania che mi seguivano – ha detto – e non sono riusciti a darsi spiegazioni scientifiche per quello che e’ successo”

Don Calogero non ha accettato immediatamente il nuovo incarico per via dei suoi problemi di salute ma a settembre, quando si è recato a Roma per pregare sulla tomba di Giovanni Paolo II, mentre stava per alzarsi ha sentito la gamba scricchiolare. Poi il dolore è scomparso.

Per i medici che lo avevano in cura, non ci sarebbe una spiegazione scientifica. La documentazione adesso sarà spedita alla Santa Sede.

Papa Giovanni Paolo II, ricordiamo, è stato proclamato beato il 1 maggio di quest’anno. Se la guarigione di don Calogero Milazzo fosse davvero un miracolo, potrebbero aprirsi le porte della santità per Wojtyla.(Ansa 13 set.2011)

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento